Lo Shopping 2.0, social shopping e ricerca visuale

Lo Shopping 2.0, social shopping e ricerca visuale

Per chi non ne avesse ancora sentito parlare, con Web 2.0 si intende un nuovo modo di vedere, “costruire” ed utilizzare Internet, i cui elementi principali sono: l’interazione tra gli utenti ed il loro ruolo partecipativo nella creazione dei contenuti stessi; l’utilizzo di tecnologie come Ajax, che permettono di interagire con il sito, anziché passare semplicemente da una pagina all’altra come siamo abituati a fare ora; l’utilizzo dei feed RSS per conoscere gli aggiornamenti dei propri siti preferiti o di singole pagine, senza dover necessariamente visitarli; il proliferare di blog, personali e non, che creano e diffondono rapidamente le notizie, oltre a diventare talvolta delle vere e proprie comunità virtuali.

Stylehive Kaboodle ThisNextWists

Tra i servizi che possono essere definiti “Web 2.0”, legati allo shopping e utili per informarsi prima dei propri acquisti, ma dai quali partono anche novità e tendenze, vi sono (per ora solo in inglese) i cosiddetti siti di “Social Shopping“:

Stylehive: Dedicato soprattutto a moda e design, una volta inserita la pagina web di un negozio o di qualsiasi sito, è in grado di estrarre le immagini da inserire tra i propri preferiti, a cui si possono abbinare prezzo, parole chiave o commenti. Gli articoli possono essere condivisi con gli altri utenti, commentati, e ricercati per parola chiave o tra i più popolari.

ThisNext: Le immagini dei prodotti possono essere caricate dal proprio computer o ricavate da siti web e salvate insieme all’indirizzo del negozio, per poi essere aggiunte alla propria lista, che verrà poi condivisa con gli altri utenti.

Wists: Cercando nell’archivio, o da qualsiasi pagina Web cliccando il pulsante nella toolbar, è possibile scegliere quali immagini inserire, aggiungere tag e commenti e metterla tra i preferiti. La lista creata può poi essere facilmente pubblicata nel proprio sito o blog.

Kaboodle: Dopo essersi registrati, è possibile creare delle pagine personali (pubbliche o private) dove inserire le immagini di oggetti o luoghi per le vacanze, ricavate dalle pagine web, dalle liste di altri utenti o caricate dal proprio computer. Gli oggetti possono essere votati, e in homepage appariranno gli aggiornamenti sui nuovi inserimenti dei propri amici.

MyPickList: Tramite un pulsante nella toolbar, è possibile scegliere in qualsiasi sito quale immagine inserire, commentarla ed abbinarla ad una categoria; i prodotti appariranno nella propria pagina personale, e potranno essere aggiunti tramite widget al proprio blog o nel proprio profilo di MySpace per raccomandarli e guadagnare una commissione sugli articoli acquistati nei negozi convenzionati.

Funzioni simili sono svolte anche da Crowdstorm, StyleFeeder, iNods e Yahoo! Shoposphere.

Un’altra delle possibilità offerte dalle nuove applicazioni web è quella di effettuare delle ricerche visuali dei prodotti che si voglioni acquistare (o magari aggiungere nel frattempo alla propria lista dei desideri):

Like.com

Like.com: Like, ovvero “come”, per trovare quei vestiti che abbiamo visto addosso alle star ma non sappiamo dove cercare. Like.com è in grado di individuare i capi d’abbigliamento e gli accessori indossati dai personaggi famosi presenti del proprio database, e di trovare gli oggetti più simili, magari ad un prezzo minore, da acquistare in rete. Utile, ma anche divertente.
(una ricerca più completa può essere effettuata con il fratello Riya)

ShopWiki: permette di cercare tra milioni di prodotti in vendita nei negozi online, restringendo la ricerca per prezzo o per colore (da provare quest’ultima funzione).

Inutile dire che come sta cambiando Internet, presto cambierà anche il nostro modo di fare shopping e di decidere cosa acquistare (oltre che di fare conoscenze, come già sta accadendo), e sicuramente cambierà anche il modo di comunicare delle aziende.

In Italia per il momento non esiste niente di simile (che sia interamente dedicato allo shopping) ma per non tradire pizza, spaghetti e mandolino, e visto che nel cibo si spende (e talvolta vale la pena farlo, soprattutto nel nostro paese), occorre citare 2Spaghi.it, un social network tutto italiano che permette di segnare su mappa i propri ristoranti preferiti, “taggarli” con parole chiave e condividerli con gli altri utenti (ma anche di scaricarli sul proprio navigatore satellitare).