It Taxi, app iPhone e Android come Uber per chiamare Taxi in...

It Taxi, app iPhone e Android come Uber per chiamare Taxi in Italia

I taxi italiani cominciano a rispondere alla concorrenza, in particolare a Uber e al car sharing che si sta diffondendo nelle grandi città, non più tramite scipero ma adeguando il loro servizio alle nuove esigenze della clientela. Ecco quindi che dopo due anni è finalmente pronta a confrontarsi sul mercato l’applicazione It Taxi sviluppata da URI, l’Unione dei Radiotaxi d’Italia.

Logo It Taxi ItaliaDisponibile per iPhone/iPad e per Android, in Italiano, Inglese e Tedesco, It Taxi consente di chiamare e pagare il taxi nelle principali città d’Italia. Permette inoltre di visualizzare la posizione delle auto prima di effettuare la richiesta, e al termine della corsa di pagare tramite PayPal o abbonamento aziendale, valutare la qualità del servizio ed ventualmente aggiungere il taxi tra quelli indesiderati in modo da poterlo escludere dalle ricerche successive. Su richiesta è disponibile anche la fattura.

Come funziona. Una volta scaricata l’app è sufficiente iscriversi (dando il consenso a notifiche e utilizzo posizione) indicando nome, cognome, numero di telefono ed indirizzo email. Si riceverà un codice via SMS da inserire per confermare il numero di telefono.
A questo punto una mappa visualizzerà la propria posizione e quella dei taxi liberi in città, e sarà possibile effettuare la chiamata scegliendo anche ora e caratteristiche del taxi (tipo di auto, posti e possibilità di portare un animale a bordo).
La richiesta verrà immediatamente inviata alla Centrale Radiotaxi competenete e si riceverà una notifica con la sigla del taxi ed il tempo di arrivo, visualizzando la posizione del taxi in arrivo direttamente sulla mappa.

App It Taxi

Quanto costa. Scaricare e utilizzare It Taxi è completamente gratuito e non incide sulla tariffa della corsa.

L’App It Taxi è disponibile nelle città di Bari, Bergamo, Bologna, Bolzano, Brescia, Catania, Cervia, Ferrara, Firenze, Fiumicino, Forlì, L’Aquila, Merano, Milano, Modena e Capri, Monza, Napoli, Palermo, Parma, Perugia, Pescara, Ravenna, Riccione, Rimini, Roma, Ronchi dei Legionari, Taranto, Torino, Trento, Trieste e Udine, oltre che in in molte altre località minori.

Prossimamente, l’applicazione dovrebbe permettere anche di calcolare in anticipo il prezzo del viaggio e forse anche di dividere il prezzo della corsa, oltre ad offrire promozioni per viaggi di andata e ritorno.