Inizio saldi invernali 2010, calendario

Inizio saldi invernali 2010, calendario

Molti di voi sicuramente non hanno nemmeno iniziato gli acquisti dei regali di Natale, ma dato che ogni anno i saldi arrivano sempre prima, iniziamo già col darvi le date, in modo che ci si possa organizzare per tempo. Per l’inizio del 2010, la maggior parte delle regioni sembra preferire sabato 2 gennaio come giorno di inizio dei saldi, anche se molte non hanno ancora deciso in via definitiva. Il calendario che pubblichiamo di seguito è pertanto incompleto, ma lo terremo costantemente aggiornato via via che arriveranno nuove date.

Ecco quindi il calendario aggiornato dei saldi invernali 2010, regione per regione (tra parentesi il capoluogo di provincia):

 quando cominciano i saldi invernali 2010 abbigliamento - Inizio saldi invernali 2010 Abruzzo (L’Aquila)
dal 5 gennaio al 5 marzo

Basilicata (Potenza)
2 gennaio – 2 marzo

Calabria (Catanzaro)
3 gennaio – 28 febbraio

Campania (Napoli)
inizio saldi il 2 gennaio, fino al 1° aprile

Emilia Romagna (Bologna)
saldi dal 2 gennaio

Friuli Venezia Giulia (Trieste)
dal 2 gennaio al 31 marzo 2010

Lazio (Roma)
inizio il 2 gennaio

Liguria (Genova)
dal 5 gennaio, per 45 giorni

Lombardia (Milano)
inizio saldi il 2 gennaio, max 60 giorni

Marche (Ancona)
2 gennaio – 1° marzo

Molise (Campobasso)
dal 7 gennaio al 31 marzo

Piemonte (Torino)
2 gennaio – 31 marzo

Puglia (Bari)
5 gennaio – 28 febbraio

Sardegna (Cagliari)
saldi dall’8 gennaio

Sicilia (Palermo)
inizio il 2 gennaio

Toscana (Firenze)
inizio saldi il 7 gennaio 2010

Umbria (Perugia)
7 gennaio – 7 marzo

Valle d’Aosta (Aosta)
inzio saldi il 10 gennaio

Veneto (Venezia)
dal 2 gennaio

Trentino Alto Adige (periodo a discrezione del comune)
Provincia di Trento: 9 gennaio – 20 febbraio
Provincia di Bolzano: saldi dal 9 gennaio 2010 al 20 febbraio nella maggior parte dei comuni (link)

Fonte: associazioni ed enti locali

I saldi nei principali outlet center:

McArthurGlen Barberino di Mugello: 7 gennaio – 7 marzo
McArthurGlen Castel Romano: 2 gennaio – 12 febbraio
McArthurGlen Noventa di Piave: 2 gennaio – 28 febbraio
McArthurGlen Serravalle Scrivia: 5 gennaio – 2 marzo
Franciacorta Outlet Village: 2 gennaio – 2 marzo
Valdichiana Outlet Village: 7 gennaio – 7 marzo
Fidenza Village: 2 gennaio – 6 marzo
Castel Guelfo: 2 gennaio – 6 marzo
Vicolungo: 2 gennaio – 27 febbraio

Il consiglio sempre valido, quando si va per negozi in periodo di saldi, è di fare attenzione agli sconti applicati, che devono essere riportati insieme al prezzo normale di vendita e a quello finale; i cambi, invece, sono obbligatori entro 2 mesi in caso di merce difettata.

  • Meletti Dante

    Il mio pensiero è che si dovrebbero vergognare coloro che vogliono far partire i saldi sempre prima, non parliamo poi del 2 gennaio che è a dir poco ridicolo e degno solo di un paese allo sfascio; questi saldi sempre più anticipati non fanno altro che mettere sempre più in m…a i tanti negozi di abbigliamento dei quartieri e dei paesi che non possono permettersi ricarichi come fanno certe boutique nei centri delle grandi città o nelle gallerie anche di grandi centri commerciali, e siccome le tantissime motivazioni per cui è una vergogna anticipare quelli che dovevano essere saldi di FINE STAGIONE invernale e estiva sono immaginabili da tutti posso solo finire che questo è si un grande paese, ma di grossi coglioni e un cospiquo gruppetto di grossi potenti furbi.Ovviamente ho esternato il mio, e non solo mio, pensiero che fin quando non cambieranno la costituzione è libero.Saluti

  • adani sandrad

    Sono pienamente d’accordo con quanto scritto sopra la penso esattamente cosi’ anche io e’ UNA VERGOGNA

  • ANTONIO

    sono daccordo con quando scritto sopra,noi commercianti siamo la categoria più bistrattata e non siamo capace di metterci d’accordo tra noi

  • Franca

    Il Sig. Maletti Dante ha perfettamente ragione. E’ assolutamente UNA VERGOGNA. Vengono chiamati saldi di fine stagione, non vorrei sbagliarmi ma la fine dell’inverno una volta era a metà marzo, cambiano i tempi e forse sono cambiate anche le stagioni!?!? Chiamiamoli saldi di inizio stagione, visto che dal 20 dic.(inizio dell’inverno) al 2 gen.siamo assolutamente in pieno inverno.Lo stesso discorso vale per i saldi estivi, che anche qui iniziano dieci giorni dopo l’arrivo dell’estate. Proporrei ai Signori che decidono queste date, di tornare a scuola per un ripasso delle stagioni! Comunque ribadisco: VERGOGNA!VERGOGNA!VERGOGNA all’infinito!!!!!!

  • Cecilia

    E’ vero, è una vergogna!Dovrebbero vergognarsi anche le tv, non fanno informazione, solo pubblicità per le boutiques delle vie più importanti delle grandi città e per la grande distribuzione, la maggior parte dei negozi però è fatta di piccoli esercizi che mantengono vive le periferie e i paesi, siamo quelli che più stanno soffrendo, molti di noi chiuderanno e queste zone si ridurranno a dormitori senza più servizi.

  • lombardia

    concordo è una vergona! ma chi è al governo sa la situazione dei negozianti o no?!?! come può un’ attività continuare ad esistere dovendo pagare affitto e personale applicando il 50% dello sconto?? Obbligati dagli altri negozi che fanno saldi selvaggi al 70%! dov’è la norma quando serve e la guardia di finanza??? su questo dovrebbe agire!!! come si fa a sopravvivere con il 70% di sconto????
    …al contrario di quello che pensa la gente non sono i negozianti a far e i prezzi ma i fornitori! e noi sempre trattati come ladri.

  • BG

    concordo!
    poi si lamentano se non vengono assunte commesse!
    si accaniscono se non viene emesso uno scontrino da 10euro!
    e gli outlet?? Svegligente vendono i NOSTRI SCARTI!!! roba vecchia di anni!!! altro che affari sulla stagione! e ci guadagnano tantissimo altro che noi!!!

  • Luisa

    Sono d’accordo anche io sul fatto che li chiamano saldi di fine stagione, quando la stagione è praticamente iniziata. Poi cosa succede? Che al mese di febbraio ti trovi nelle vetrine abbigliamento estivo!!!!
    Abito nel Canton Ticino e questa settimana qui da noi sono già iniziati.

  • enza

    ciao, altro che d’accordo , strad’accordo anzi mi rincuoro leggendo che altri la pensano esattamente come me e’ assolutamente contro producente iniziare i saldi in questo periodo, ma non puoi fare da mosca bianca, dovrebbero decidere dall’alto e rimettere tutto al suo posto cioe’ iniziare i saldi a fine stagione ma realmente a fine stagione cioe’ a marzo.Chi e’ il ” fesso” che compra prima di natale sapendo che l’indomani iniziano i saldi?

  • alessandra

    ma dai!!i commercianti ci guadagnano moltissimo non venite a raccontare cavolate!!!io vendo all’ingrosso e stai pur sicuro che se vendo a 2 euro loro mettono fuori a 10!!!(e se nn vendono si lamentano!!)sono pienamente daccordo con i saldi anticipati basta voi commercianti finali mangiarci sopra!!

  • Alessandro

    Ma meno male che li anticipano….che cazzo me ne frega di comprarmi la roba invernale a marzo??? a milano partono il 2 gennaio…appena in tempo x tornare da capodanno!!!! 😀

  • IO che compro l’abbigliamento solo ai saldi e da circa 20 anni al di fuori se lo scordano costano esageratamente. Ho fatto per poco la commessa e sono d’accordo con alessandra che i negozzianti ci guadagnano sempre.

  • mEna

    Da quello che si può notare i messaggi che sono stati lasciati qui sono stati scritti tutti da negozianti…per fortuna che si anticipano, viva i saldi!!! e Viva spetto con ansia il 2/1….Tanto voi ci guadagnate sempre… e piangono sempre!!!ihhiihihihihi

  • Ma se in America sono sempre iniziati subito dopo natale e,non vorrei sbagliarmi,anche a Londra! Comunque,in qualsiasi data li fanno iniziare mi puzzano sempre di fregatura! Preferirei che lasciassero libertà ai commercianti di gestire le vendite promozionali.Trovo che i saldi non servono a noi, ma solo a fare pulizia nei magazzini e poi si sa che ci sono produzioni apposta per i saldi!Sono pochi i negozi che vendono veramente le cose dell’anno in corso “saldate”.Per gli outlet è meglio calare un velo pietoso!

  • Sono pienamente d’accorco con l inizio anticipato dei saldi,questo e’ anche un modo per dare l’opportunita’ a tutte quelle persone con un reddito basso di poter comprare e vestire con capi firmati.Poi non so se i negozianti preferiscono avere gli scaffali pieni fino all inizio della primavera di indumenti invernali!!!
    Sti negozianti si lamentano sempre ma stanno sempre bene!!!!!

  • Cappa

    I commercianti sono abituati a piangere ma non considerano che i ricarichi che hanno sulla merce sono a dir poco pazzeschi. Ci sono schifezze che costano un’occhio della testa e raggiungono persino 1/10 di uno stipendio. Secondo me i prezzi dei vestiari sono già il doppio di quello che in realtà valgono.
    Senza poi considerare che negli anni passati, ma suppongo che qualche furbo la pratica ancora, in fase di saldi, ci rifilano degli aborti spacciandoli per roba pregiata.
    Saldi o non saldi, piangete di meno!

  • alex

    Io personalmente trovo questa data del 2 gennaio ottima,perche’ se i saldi dovessero iniziare piu’ o meno a marzo………..beh penso che non spenderei neanche 1 euro,come si dice:Passato il santo,finita la festa!!!!!!

  • armando

    il problema,secondo me, è a monte :
    ma perchè la gente le cose ( tutte ) non le compra solo quando la stagione è quella giusta?

  • cliente finale

    Sono contento se i negozianti sono in difficoltà … sia voi che i centri commerciali vendete mondezza (tutta proveniente da Cina ed altri paesi del c…o), facendola pagare profumatamente, e vi continuate sempre a lamentare.
    siete i soliti ITALIANI DEL CA.ZO!!!
    ma che vi credete! che l’acquirente medio stampi i soldi di notte?!?
    Se la crisi vi mette in mutande … sono stra-contento!
    Così almeno capirete che vuol dire tirare avanti una famiglia di quattro persone con un solo stipendio

  • alessio

    I commercianti sia nel bene che nel male si lamenteranno sempre, se hanno crisi la colpa è stata loro, con il passaggio all’euro i prezzi della merce si sono raddoppiati altro che cambio giusto, gli stipendi sono sempre rimasti gli stessi invece cosi la gente i soldi se li tiene in tasca. Ora che non vendono più come prima tutti a piangere, che comincino veramente a diminuire i prezzi durante tutto l’anno e vedrete che i soldi li avrete anche voi. Giusto per la cronaca poi saranno i dubbi ma so di un paio di stivali in un negozio a roma nel mese di novembre costavano 99 euro, prima di natale gli stessi stivali costavano 139 euro, e adesso con i saldi li vendo al 50% di sconto a 69 euro… certo se rimanevano al loro costo di 99 euro tra le compere di natale e poi con i saldi ci smenavano troppo.

  • Mauro

    Pensavo di essere una mosca bianca, nell’affermare che la politica dei saldi è gestita da INCOMPETENTI. Il danno maggiore lo subiscono i piccoli negozio di vicinato che sono ” COSTRETTI ” a subire, impotenti ” la volontà della Grande Distribuzione che fà ciò che vuole ( vendite straordinarie, sottocosto, promozioni, fidelizzazioni e ” MARKETTE varie !!! ) Con l’avvallo delle varie Associazioni di categoria che solo a parole dicono di difendere il piccolo commercio. Però, il piccolo commercio continua a farsi male da solo. Non và oltre il MUGUGNO individuale e non ha il coraggio di unire le forze e fare sentire la propria voce. Un esempio può venire da AVAL (www.avelge.it ) che ha avuto il coraggio di ribellarsi e stà tentando di difendere la categoria. Ad Alessio dico una cosa: prova !!! e vedrai con i tuoi occhi che non è tutto oro ciò che lucica. Te lo dice uno che ha fatto il dipendente per 20 anni e il commerciante per 30 e, in entrambi i casi, non sono certamente diventato ricco. Sarebbe ora di finirla con la solita solfa che i commercianti sono tutti ” LADRI, SPECULATORI, EVASORI e, chi più ne ha più ne metta. NO !!! sono lavoratori come altri.

  • alessio

    Mauro che siano lavoratori come tutti gli altri sono daccordo, ci sono gli onesti e i disonesti, io come lavoratore dipendente non posso certo decidere il mio stipendio ma accontentarmi di quello che decide lo stato, mentre i commercianti i prezzi li mettono loro e anche li ci saranno commercianti onesti e disonesti, che pagano le tasse e che sono evasori, io la possibilità di gestire il nero in quanto lavoratore dipendente non ce l’ho, i commercianti sono più avvantaggiati (sempre a loro rischio e pericolo) perchè hanno questa scelta, ma proprio perchè hanno questa scelta e possono decidere che prezzi praticare sono anche i fautori della loro fortuna. Tu sei commerciante da come penso di aver capito, quello che ti dico è nel momento del cambio tra lira ed euro hai mantenuto i tuoi prezzi con un cambio di 1 euro a 1936.27 lire oppure hai applicato dei prezzi tipo 10 euro uguale a 10.000 lire? Se hai mantenuto la prima proporzione sei tra gli onesti e se sei un venditore finale ci rimetti e fai bene a lamentarti, se hai mantenuto la seconda proporzione (per il mio parere personale) non hai nessun diritto a lamentarti perchè rientri appieno nei venditori ladri e speculatori, dove prima ci hanno guadagnato tantissimo e ora che non vendono come prima piangono. Se il commerciante al posto di mettere merce con prezzi per guadagnare tipo il 200% del suo valore li mettesse fuori con prezzi inferiori sicuramente ci sarebbe più giro di soldi e ci guadagnerebbe di più. Io lo vedo con i benzinai della mia zona gli altri hanno il gasolio a 1.100 uno l’ha a 1.080 gli altri hanno si il loro giro di clienti, quello ha sempre la fila, a fine giornata non so chi ha guadagnato di più se quello con prezzi alti ma pochi clienti o quello con prezzi bassi e un mucchio di clienti.

    NB il paragone che ho scritto citandoti è solamente perchè ti stavo rispondendo e cercando con un esempio pratico farti capire bene il mio punto di vista. Spero di non averti offeso in nessuna maniera perchè potremmo benissimo essere da un capo all’altro dell’italia e quindi non ti conosco minimamente ne so niente della tua situazione lavorativa. Saluti e auguri

  • Ciao a tutti! Volevo segnalarvi questo sito http://www.couponsconto.it in cui si possono stampare buoni sconto, coupon e ritirare omaggi in negozi in tutta Italia tutto l’anno! Ci sono sconti per parrucchieri, negozi di abbigliamento, estetiche, cinema, ottici, palestre ecc. Le offerte sono molto interessanti secondo me.. Ciaoooo!

  • Personalmente, da vecchio commerciante,non riesco a digerire queste date.In questo modo si condizionano pesantemente le vendite del periodo Natalizio e di quelle estive (l’estate è appena iniziata e già parliamo di saldi…è pazzesco!!!) Tutto questo con l’avallo delle Associazioni di categoria, nessuna esclusa,che predicano la difesa dei piccoli commercianti ma,di fatto, vanno a braccetto della grande distribuzione.

  • ciao sono antonella anni 20 cerco lavoro a palermo come abbigliamento chiamatemi al numero 091441714 ora vi aspetto

  • FABIO

    quanta ignoranza in alcuni commenti. sono sempre stato un commesso e adesso ho realizzato il mio sogno di avere un negozio tutto mio e il mio pensiero sui saldi non è cambiato da quando ero un collaboratore ad adesso ……….è una vergogna anticipare i saldi…Il cliente va tutelato,cosa vuol dire comprare sotto natale e poi scontare,è una presa in giro,i saldi devono essere fatti a stagione ultimata per dare la possibilità al cliente di comprare bene per la stagione prossima. Chi sostiene che i saldi vanno anticipati ,sono persone che non possono comprare determinati articoli griffati per poi poterli sfoggiare ancora nella stagione piena…….ma per loro ci sono gli outlet.
    Ho un consiglio da dare alla clientela, affidatevi sempre al vostro negozio di fiducia e in ultimo sappiate che l’utile per un negozio di abbigliamento serio va dal 15 al 20% sul fatturato sempre se la stagione è stata propizia

  • LAURA

    Bisogna distinguere tra commercio gestito dalla grande distribuzione e commercio al dettaglio.
    La strategia chiara è che ci vogliono omologare e questa legge sui saldi è voluta con gli accordi politici solamente dalla grande distribuzione che si avvantaggia poichè nella massificazione delle offerte fa produrre prodotti appositamente per i saldi.
    La stragrande quantità di commercianti che lavorano correttamente e ha rapporti con la propria clientela non può comportarsi in questo modo.
    Ma sapete che esiste una legge dello Stato che non permette di fare promozione un mese prima dei saldi? Ma agli outlet lo permette
    E’ tutto un caos e oramai i rapporti con i propri clienti stanno diventando fiacchi soprattutto 15gg prima della data fatidica.
    Vorrei che le offerte fossero liberalizzate
    che la categoria commercianti imponesse la voce dei loro iscritti, che qualche politico entrasse nel merito del problema per rendere le vendite di fine stagione reali come la parola descrive. Sono una commerciante mortificata da questo sistema che secondo me non avvantaggia neanche i consumatori che entrano nel delirio di acquisti frettolosi e convulsivi. E non parliamo dei lavoratori del settore che non hanno il tempo per vivere. Ma cosa fanno i sindacati? NIENTE!!!
    IL POTERE DEI GRANDI è evidente
    Buon 2011
    E’ TUTTO COSI’ CONTRADITTORIO E SCANDALOSO